Vendemmia notturna? In Calabria si fa così..

Autore: Guido Zini


Gambero Rosso, Alessi, Firenze. Etesiaca itinerari di vino blog

Di nuovo in tour per l'Italia, i sommelier del Gambero Rosso, sono pronti a introdurre a tutti gli appassionati le anteprime delle migliori etichette da loro selezionate, in procinto di debuttare nelle principali fiere del settore enologico.

La tappa fiorentina, a inizio marzo, è come di consueto ospitata dall'Enoteca Alessi, con le sue sale dal colpo d'occhio sorprendente per qualità e assortimento di prodotti: l'ambiente ideale per ben predisporsi alla degustazione.

Molto ampio il ventaglio delle proposte scelte quest'anno dal Gambero Rosso, che, accanto ai grandi classici (Barolo, Amarone, Chianti Classico, Bolgheri), presenta, in prima fila, vini provenienti da zone in costante ascesa, a testimonianza di una viticoltura italiana ormai in grado di esprimere ovunque punte d'eccellenza.

Di fronte a tanta varietà, parlare di assaggi preferiti diventa impresa complicata, tenuto poi conto che molti vini raggiungeranno il pieno della forma solo fra qualche anno e che dunque vanno pensati in prospettiva.

Mi limito pertanto a segnalare simbolicamente la cantina calabrese La Pizzuta Del Principe, di Strongoli (KR), in quanto portatrice di 2 valori oggi comuni all'intero movimento del vino nel nostro paese: il ritrovato amore per le origini e l'opportunità di fare da traino economico, soprattutto per le regioni dal potenziale ancora inespresso.

L'azienda è qui presente con due IGT della denominazione Val di Neto, il bianco Molarella e il rosso Zingamaro.

Entrambi sono ricavati al 100% da uve autoctone (rispettivamente il Pecorello e il Greco Nero), in passato considerate di minor pregio o addirittura a rischio di scomparsa.

Un'altra circostanza unisce i due prodotti: la vendemmia notturna, effettuata per evitare che le alte temperature facciano partire la fermentazione dei grappoli già in fase di raccolta.

Gambero Rosso, Alessi, Firenze. Etesiaca itinerari di vino blog

Il Molarella, in assaggio l'annata 2017, affina circa cinque mesi in acciaio e due in bottiglia, dove mantiene intatto tutto il suo patrimonio di aromi freschi, che, in effetti, sprigionano immediati dal calice, quasi lasciando una patinatura nell'aria, dalla veloce dissolvenza. Varcate le labbra, il Molarella rivela grande acidità, sapori agrumati e un gradevole tocco salino (del resto il mare Ionio dista pochi km), lasciandosi bere con scioltezza.

Gambero Rosso, Alessi, Firenze. Etesiaca itinerari di vino blog

Gioca su più corde lo Zingamaro, qui in versione 2014, maturato sei mesi in barrique e altri due in bottiglia.

A tratti è pulsante, come nel colore rosso vivo e nei profumi fruttati, o nel tannino giovane e marcato. L'altra anima si compone di morbidezza, corpo rotondo e alcolico (siamo oltre i 14°), calde speziature. Piacevole da consumare nel breve periodo, lo Zingamaro può guadagnare ulteriore equilibrio con un medio invecchiamento.

Un vino che racchiude due volti della Calabria, terra solare e aspra, un vero esempio di tipicità.


 Etesiaca itinerari di vino. BLOG

Guido Zini, autore del pezzo di oggi, ci racconta la sua esperienza durante questa giornata:
"Si ripete con successo la collaborazione fra Gambero Rosso ed Enoteca Alessi, un binomio all'insegna della competenza e della cortesia, che permette di assaporare in pieno tutta la magia del vino in un luogo unico."

Ti è piaciuto l'articolo?

METTI MI PIACE ALLA PAGINA FACEBOOK!

Per te è solo un click, per noi è un piccolo riconoscimento di tutto il lavoro che stiamo facendo!

LEGGI ANCHE..

Vinoi Firenze vino naturale. Etesiaca itinerari di vino blog

truffle Etesiaca itinerari di vino blog

Vinoi Firenze vino naturale. Etesiaca itinerari di vino blog


Scrivi commento

Commenti: 0