Una finestra sulla costa toscana..

Autore: Guido Zini


Bibbona, Toscana, Italia. Itinerari di vino. Blog Etesiaca

Ai primi di settembre, la strada che corre parallela alla Costa degli Etruschi, sul litorale toscano, si tinge di una velata malinconia. Guardando al mare..

..il verde vivace della macchia mediterranea si avvia a cedere il passo alle tinte autunnali, mentre dal lato delle colline, la terra, privata del giallo intenso del grano, riposa arida in attesa delle prime piogge.

Ma basta una svolta, l'imbocco di una strada che si arrampica verso l'interno, ed ecco apparire rigogliosi l'ulivo e la vite, a restituire calore agli occhi, mentre tutt'attorno filari di cipressi sorvegliano la campagna come custodi silenziosi.

Complici le temperature più miti e la fine del brulichio di turisti, adesso è il momento ideale per percorrere una di queste vie, ed esplorare i tanti piccoli e preziosi borghi di antica origine che costellano il territorio circostante.

Bibbona, Toscana, Italia. Itinerari di vino. Blog Etesiaca

Tra di essi si trova il paese di Bibbona, con la sua struttura medievale, situato all'inizio della celebre Strada Bolgherese e poco distante dall'area naturalistica chiamata “Macchia della Magona”.

Qui, fra le case di pietra e i vicoli ben conservati, immersi in un'aria placida, si possono ammirare la Pieve di Sant'Ilario (risalente all'XI secolo), dall'inusuale pianta a trapezio, e l'imponente chiesa di Santa Maria della Pietà, ai piedi del centro storico; oppure scoprire qualche bontà locale, come il pane Cavallo (così chiamato perché l'impasto in passato veniva steso su lunghi tavoli, tagliato a tocchi e trasportato sul braccio, assumendo in tal modo la forma di una sella di cavallo); oppure, naturalmente, degustare del buon vino.

Bibbona, Toscana, Italia. Itinerari di vino. Blog Etesiaca
Municipio di Bibbona (Li)

E proprio per un tranquillo weekend di enorelax, mi reco alla vicina azienda agricola Villa Caprareccia, condotta dalla famiglia Galli da almeno tre generazioni, che, oltre a essere una conosciuta cantina della zona, offre attività di agriturismo e agricampeggio, ristorazione, produzione ortofrutticola e di olio. Un tuffo in piscina e qualche ora di sole sono il perfetto preludio per la degustazione dei vini, dove sono guidato dalla signora Rita.

L'azienda propone 9 tipologie di vino, per un totale di circa 50.000 bottiglie l'anno su 15 ettari vitati: qui il lavoro si svolge ancora con dedizione artigiana, pur con la dovuta attenzione al mercato. Mentre inizio gli assaggi, Rita si sofferma sui vari aspetti della produzione: dalle parole di elogio per il proprio enologo Gabriele Gabens, meticoloso fin nella ricerca dei tappi da accoppiare ad ogni vino; al particolare respiro dei terreni, argillosi e calcarei, più vocati alla coltivazione dell'uva rispetto ai suoli sabbiosi che si incontrano avvicinandosi alla costa; al recupero delle vasche in cemento, ora riscoperte per le loro proprietà ossigenanti senza cessione di altre sostanze.

Bibbona, Toscana, Italia. Itinerari di vino. Blog Etesiaca

La gamma parte con tre vini che compongono la linea base, dal medesimo nome:

  • il Libicocco in versione bianco, rosato e rosso. Il primo, composto da vermentino e trebbiano in parti uguali, è un felice incontro fra le due anime caratteristiche di questo lembo di Toscana, una rivolta al mare e l'altra all'entroterra, ben rappresentate in freschezza e rotondità.
  • il Libicocco rosato nasce invece da uve sangiovese in purezza, raccolte a inizio settembre per preservarne la componente giovane e aromatica, col risultato di un vino armonioso e di facile beva, amabile senza risultare stucchevole.
  • Nel Libicocco rosso, il blend di sangiovese (50%) con merlot e syrah regala nel bicchiere un colore vivo e invitante, e al palato note speziate accoppiate a tannini leggeri.

La serie dei vini posti a un gradino superiore si inaugura con due vermentini in purezza: Alighino e Bullagalli, per poi proseguire con tre rossi: Filari Dorfino, Mastremilio, Caprareccia.

Bibbona, Toscana, Italia. Itinerari di vino. Blog Etesiaca

  • Alighino è l'espressione tipica del territorio: affinato in acciaio, raccoglie i classici profumi erbacei della costa, mentre in bocca si apprezzano il sapore asciutto e la marcata mineralità.
  • Bullagalli effettua invece un passaggio di otto mesi in legno, caratteristica che esalta le sfaccettature più nascoste del vermentino, scovando lati fruttati del tutto inusuali.
  • Filari Dorfino (taglio di syrah, merlot e cabernet sauvignon) apre la gamma dei rossi: uno stazionamento in grandi tini di legno per otto mesi rende il gusto del Filari morbido, avvolgente e caldo. Pur restando un vino adatto da consumare in tempi non troppo lunghi, Rita consiglia di farlo attendere ancora qualche mese in bottiglia per completare la maturazione.
  • Nel Mastremilio (70% cabernet sauvignon, con aggiunta di merlot, petit verdot e cabernet franc), caposaldo dell'azienda, affiora un carattere vigoroso e profumi di notevole complessità, propri dei grandi rossi della zona. Sedici mesi di barrique e un lungo riposo in bottiglia prima della messa in commercio assicurano struttura e longevità.
  • Gli stessi pregi si rintracciano nel cru Caprareccia (85% Petit Verdot, 15% Cabernet Franc), che si distingue per varietà di sentori e alta propensione all'invecchiamento.
Bibbona, Toscana, Italia. Itinerari di vino. Blog Etesiaca

Il dolce finale è riservato all'Ansora passito, interamente da uve ansonica, chiamato scherzosamente San Passito fra gli addetti alla cantina, per i diversi richiami al cugino Vin Santo. Alla vendemmia, effettuata in ottobre, segue un periodo di appassimento e, dopo la lavorazione, un anno di permanenza in caratello, percorso che conferisce un bel colore dorato, con fragranze di frutta secca e odori di bosco, mentre il residuo zuccherino resta gradevolmente contenuto.

Bibbona, Toscana, Italia. Itinerari di vino. Blog Etesiaca

Conclusa la degustazione, arriva il momento di sedersi a tavola per gustare i piatti della chef Lia, che rielabora la tradizione toscana con un sapiente tocco personale, utilizzando solo materie prime del proprio orto e allevamento, o prodotti a km zero.

Il menù si sposa perfettamente ai vini dell'azienda, prova tangibile del valore di quanto realizzato dalla famiglia Galli, e tutto – sia detto – a prezzi molto abbordabili.

Al termine della breve gita, mi riavvio soddisfatto lungo la Costa degli Etruschi con una felice convinzione: se si è in cerca di quiete, genuinità e arte del buon vivere, Bibbona e Villa Caprareccia meritano sicuramente una visita.


Piemonte, Italia. Itinerari di vino. Foto blog Etesiaca

Guido Zini, qui sopra con Mastremilio, è l'autore del pezzo di oggi, appassionato di vino ed in particolare di enotrekking, nobile disciplina che associa visite in cantina ed escursioni nel territorio circostante, un modo alternativo di esplorare tanti luoghi nascosti del nostro Bel Paese.

Ti è piaciuto l'articolo?

METTI MI PIACE ALLA PAGINA FACEBOOK!

Per te è solo un click, per noi è un piccolo riconoscimento di tutto il lavoro che stiamo facendo!

LEGGI ANCHE..

Monte Amiata, Toscana, Italia. Montecucco, Itinerari di vino. Blog Etesiaca

Il vulcano che ha fatto grande la Toscana


Trentino Alto adige, Italia. Itinerari di vino. Blog Etesiaca

Laddove l'acqua è leggenda, il vino è realtà


Pitigliano, Maremma, Toscana, Italia. Itinerari di vino. Blog Etesiaca

Etesiaca su Maremma Magazine!



Scrivi commento

Commenti: 0