Un illustre tra gli illustri. Il Montecucco interpretato da Collemassari


Collemassari, azienda vitinicola a Cinigiano, che produce vino Montecucco, Bolgheri e Brunello di Montalcino. Foto blog Etesiaca

Selvatica, genuina, panoramica.

Con strade e paesaggi che restano nella memoria e nel cuore.

Una delle zone più belle della Maremma autentica, all'interno del cuore selvaggio della Toscana, tra il mare e la montagna, di fronte al tratto di costa che lambisce l'Isola di Montecristo, visibile da qui all'orizzonte nelle giornate più nitide. Ed alle spalle il Monte Amiata.

La Toscana è semplicemente bellissima.

Proprio in queste zone, tra acqua e monti, tra il verde dei boschi e le dolci colline coltivate a viti ed olivi, ed ancora, tra i borghi arroccati in cima ai colli, castelli e locande d'altre tempi, ecco che si svela una terra suggestiva, la zona del Montecucco, in direzione di Cinigiano, poco dopo essersi lasciati alle spalle la frazione di Poggi del Sasso. 

Quando scrivo di queste zone, il gergo poetico e romantico mi viene spontaneo.

Non soltanto a me, perchè in passato..

Zona del Montecucco DOC. Vino che si produce vicino a Cinigiano in Maremma. Itinerario stradale. Foto blog Etesiaca

..in passato questa terra ha ispirato poeti del calibro di Carducci, e delle cui colline “con le nebbie sfumanti e il verde piano ridente ne le piogge mattutine” egli stesso se ne innamorò, nel medesimo modo di ogni viaggiatore che per la prima volta si trova di fronte a questi paesaggi di infinita bellezza e fascino.

Una Maremma che si svela con piacevole lentezza, tra i colori della natura e le stradelle incastonate che si insinuano tra questi paesaggi; e proprio proseguendo lungo la vecchia strada che da Poggi del Sasso, oltrepassato l'Ombrone, porta all'antico borgo di Montecucco e di Piantaverna, adagiata su un anfiteatro di colline, sta Collemassari, una cantina che vanta oltre 1200 ettari di terreno, destinato all'azienda biologica agricola e vinicola, dominata dall'omonimo Castello, sede della stessa azienda e proprietà rinascimentale dei marchesi Patrizi, che la trasformarono in una caratteristica fattoria fortificata.

L'odierna proprietà (famiglia Tipa), ha creato una domaine in Toscana, dal 2002 possiede anche il Podere Grattamacco (Bolgheri) e dal 2011 la Fattoria Poggio di Sotto (Montalcino).

Azienda vitivinicola Collemassari, che produce vino montecucco. Foto blog Etesiaca

Oltrepassata la quale, una strada prosegue fino a terminare il suo tracciato naturalmente di fronte alla chiesa rinascimentale dei Santi Pietro e Antonio Abate, vecchia proprietà della famiglia Piccolomini di Siena. 

Ho provato, qui sotto si vede, a immortalare l'emozione che si prova nello stare sul viale dei cipressi che portano in cima alla collina.

Vi assicuro che rende solo all'1%.

La strada che porta alla Tenuta di Montecucco. Itinerario della chiesa. Foto blog Etesiaca

Siamo arrivati alla Tenuta di Montecucco

La tenuta si estende per circa 700 ettari tra vigneti ed oliveti, all'interno della zona del Montecucco DOC. 

All'interno di essa l'agriturismo composto da vari casolari, con piscina e vasto giardino adiacente. Anche una piazzetta sorge tra i casolari, che in estate diventa palcoscenico di tanti spettacoli ed eventi allestiti all'aria aperta.

Nel casolare principale è presente la sala ristorante per gli ospiti dell'agriturismo ed in alta stagione per tutti coloro che vogliono assaggiare la bontà della cucina tipica maremmana. 

E per gli amanti del vino?

Non poteva mancare un wineshop, dove oltre alle degustazioni, è possibili acquistare tutti i prodotti della tenuta, olio, vino e grappa, e visitare la meravigliosa cantina (oggi soltanto aperta come museo storico), che veniva utilizzata in tempi antichi dai contadini e che custodisce pochissime e pregiatissime botti della tenuta.

Chiesa della Tenuta di Montecucco. Foto Blog Etesiaca

Poco più avanti, sulla destra della chiesetta rinascimentale dedicata ai Santi Pietro e Antonio Abate, e vecchia proprietà della famiglia Piccolomini di Siena, si trova la piscina dell’agriturismo, con vista esclusiva sulla vallata e sull’orizzonte che guarda la fascia costiera del Parco della Maremma fino al Monte Argentario.

Piscina della Tenuta di Montecucco. Dalla quale si scorgono i vigneti. Foto blog Etesiaca.

Un complesso, quello della tenuta, che si allarga verso la campagna tra le colline coltivate a viti ed uliveti.

Una tipologia di terreno contraddistinta da un'ottima capacità drenante, adatta senz'altro alla coltivazione di viti ed olivi, del cui risultato se ne possono apprezzare le caratteristiche organolettiche di grande struttura e qualità. Le ottime condizioni di esposizione del terreno, infatti, di cui la zona usufruisce, e cioè degli influssi benevoli delle correnti miti provenienti dal mare e dell'aria più fresca ed asciutta proveniente dalla montagna, danno i migliori risultati sia in estate che in inverno.

L'aria che si respira arriva direttamente dal mare dal versante occidentale da una parte, tra le sagome dei monti dell'Argentario e delle vette di Montecristo, che da qui dista soltanto 100 km in linea d'aria, e dall'altra dal versante orientale della montagna, facendosi strada lungo i sentieri di Monticello e di Castel del Piano, e scendendo giù direttamente dai rifugi sul lato meridionale del Monte Amiata.

I vigneti di Collemassari del Montecucco DOC. Foto blog Etesiaca

Un’area molto grande quella dell’intera Tenuta, che si estende lungo qualche sentiero e qualche stradina sterrata che discende attraverso la vallata sottostante e risale tra le curve più o meno aspre, sotto la vegetazione naturale di boschi di lecci, mista a castagni e macchia mediterranea.

Proseguendo lungo queste vie che si fanno spazio dentro la vegetazione, a circa 1,5 km dalla struttura principale troviamo l’altra perla della Tenuta, recentemente ristrutturata ed inaugurata (maggio 2013), il Resort Pecora Vecchia. Una bellissima piscina è stata inserita all’interno della struttura, circondata anch’essa da stupendi giardini e da una vista incomparabile che si apre sul versante orientale del Monte Amiata. Un servizio navetta è presente su richiesta per i clienti del Resort, che nei prossimi mesi potranno anche usufruire di un percorso segnalato ed allestito ad hoc per percorrerlo a piedi, in bici o a cavallo, e che permetterà di fare delle belle passeggiate mattutine o pomeridiane, o per concedersi un po’ di allenamento e un po’ di relax all’aria aperta all’insegna della buona tenuta fisica e mentale.

Scrivi commento

Commenti: 0